Storia dell'arte

Il Rinascimento

Rinascimento si indica il periodo corrispondente ai secoli XV e XVI. Questo ha avuto come premessa il movimento di pensiero Umanesimo: esso ha elaborato un nuovo atteggiamento da parte dell’uomo nei confronti di se stesso e del mondo ed ha valorizzato le capacità razionali e progettuali dell’uomo.

Il primo centro di diffusione fu Firenze, dove il fenomeno venne favorito da due condizioni fondamentali: la forte presenza della borghesia cittadina, protagonista della vita civile, e la sopravvivenza, anche nei secoli del Medioevo, di uno stretto legame con la cultura antica. Nell’arco di pochi decenni, il nuovo stile si estese a molti centri della penisola. In Europa fu la regione delle Fiandre, le attuali Belgio e Olanda, a costituire un’importante area di irradiazione della nuova cultura rinascimentale.

L’età degli Stati regionali

Con la crisi dei Comuni nell’Italia centro-settentrionale, le città vennero inglobate in piccoli Stati regionali, retti da Signorie. Questa trasformazione è derivata dai conflitti interni ai Comuni e dal forte sviluppo dei commerci e delle attività produttive. La crescita dei commerci, inoltre, rese necessario in molte città dell’interno uno sbocco al mare per poter accedere ad un porto mercantile; per tale motivo Firenze conquistò Livorno e Pisa, mentre Milano tentò di ottenere il controllo di Genova.